Il Collegio Sindacale deputato al controllo delle Linee di Indirizzo della Corte dei Conti elogia l’operato di ASUGI

 giovedì 28 gennaio 2021

Eccellente riscontro per ASUGI alla relazione indirizzata al Collegio Sindacale deputato al controllo delle Linee di Indirizzo della Corte dei Conti.

Con deliberazione 18/2020, infatti, la Corte dei Conti ha fornito le Linee di indirizzo per i controlli interni nelle Pubbliche Amministrazioni durante l'emergenza da Covid-19, rivolte anche alle Regioni e agli Enti locali operanti nel territorio delle Regioni a statuto speciale e delle Province autonome, nei limiti della compatibilità con gli specifici ordinamenti.

Il Collegio Sindacale ha rilevato “l’esaustività della relazione e soprattutto la analitica e puntuale analisi delle singole tematiche affrontate, a dimostrazione della sollecita e pronta attivazione dell’Azienda per la riorganizzazione delle attività sanitarie e gestionali necessarie a fronteggiare l’emergenza in atto, dentro e fuori le strutture ospedaliere.”

Secondo quanto espresso dal Collegio, particolarmente chiara è risultata la parte relativa all’impostazione degli aspetti contabili, inerente l’attivazione del centro di costo dedicato COV20 e il costante monitoraggio della corretta imputazione degli atti di spesa. Viene inoltre elogiata l’efficacia delle misure adottate per il controllo di gestione nell’ambito del personale e della gestione del rischio sanitario.

I controlli interni riguardano vari ambiti, tra cui quello amministrativo-contabile, strategico, di gestione e della qualità dei servizi. Nello specifico, nell’ambito delle Pubbliche Amministrazioni, le aziende del Servizio Sanitario Nazionale sono state le strutture maggiormente interessate dal fenomeno della pandemia da Covid-19, sotto l’aspetto operativo, gestionale e finanziario.

Come afferma la Corte dei Conti “Il nostro sistema sanitario, come del resto quello di tantissimi altri Paesi, chiamato a sopportare l’impatto dell’imprevista e pesante situazione, ha sostenuto nuovi costi ed ha dovuto adeguare improvvisamente i moduli organizzativi per fare fronte alle necessità del contrasto alla pandemia. Tutte le articolazioni del sistema dei controlli dei Servizi Sanitari Regionali, a livello sia di Regione/Provincia autonoma, sia di singola azienda, sono chiamate, pertanto, a ricalibrare i modelli operativi alla luce del quadro emergenziale ancora in atto.”
 
 
CREAUS/SB/ss