Approvati gli schemi di accordi con le strutture private accreditate afferenti ad ASUGI

 venerdì 8 ottobre 2021

Riguardano l’erogazione di prestazioni di ricovero, specialistica ambulatoriale e di diagnostica strumentale.

La Regione ha identificato gli ambiti specialistici e di ricovero che presentano maggiore criticità in termini di offerta, di tempi d’attesa e conseguentemente di flussi di mobilità extraregionale, al fine di rendere coerenti i fabbisogni con le attività delle strutture private.

In questo contesto per garantire le prestazioni di ricovero e specialistica ambulatoriale, ASUGI aveva recentemente approvato per l’anno 2021 la commessa con ciascuna struttura privata accreditata afferente al territorio, confermando provvisoriamente il riferimento al budget 2019, dato atto che dal 1 gennaio 2021 gli accordi sopra citati per l'anno 2020 erano venuti a scadenza. (DGR 42/2017)

Il suddetto decreto era stato adottato in considerazione:

  • della necessità di non incorrere in interruzione di pubblico servizio, di ridurre i tempi di attesa rispetto anche alle prestazioni sospese a seguito dell’emergenza epidemiologica ritenendo di dover garantire la piena funzionalità dell’offerta sanitaria al cittadino anche avvalendosi del privato convenzionato;
  • della perdurante emergenza epidemiologica e della conseguente necessità di garantire l'attività da parte degli erogatori privati.

La Regione, considerato che il privato convenzionato deve essere parte integrante dell’offerta complessiva regionale e come tale oggetto di politiche di programmazione sanitaria coerenti con quelle che regolano l’erogazione dei servizi nelle strutture pubbliche in rapporto ai bisogni della popolazione e del rispetto dei tempi massimi di attesa per tutte le prestazioni, ha stipulato con le strutture private accreditate l’Accordo regionale valevole per il triennio 2021-2023. 

A seguito del detto Accordo ASUGI ha stipulato con ciascuna struttura accreditata afferente al proprio territorio i relativi accordi.

Una progettualità straordinaria finalizzata al recupero della fuga extraregionale e alla riduzione dei tempi di attesa mediante l’erogazione di specifiche prestazioni ambulatoriali e di ricovero.

Gli Accordi regionali hanno durata triennale e ricomprendono le prestazioni rese nei confronti dell’Azienda sanitaria dal 01/01/2021.

Tra ASUGI e le strutture accreditate sono intercorsi, quindi, comunicazioni formali ed incontri al termine dei quali sono stati implementati da entrambe le parti tutti gli accordi e le strutture sotto menzionate risultano regolarmente autorizzate all’esercizio dell’attività sanitaria e dotate di capacità produttiva adeguata per rispondere alle esigenze dell’Azienda.

  • Istituto dott. Sergio Polonio S.r.l., con sede in Trieste, via Machiavelli 13, Partita IVA 00726130321;
  • Istituto Fisioterapico Magri S.n.c., con sede in Trieste, Via Silvio Pellico 8, Partita IVA 00664210325;
  • Struttura sanitaria “Nova Salus S.R.L.”, con sede in Gorizia (GO), via Cascino n. 8, C.F. e P. IVA 00379040314;
  • Studio Radiologico Catania S.r.l., con sede in Trieste, via della Geppa 17, Partita IVA 01171000324;
  • Struttura sanitaria Eutonia S.r.l. Sanità e Salute, con sede in Trieste, via Domenico Rossetti 62, Partita IVA 01223070325;
  • Struttura sanitaria Fisioterapia Rinaldi S.r.l., con sede in Trieste, via S. Lazzaro 1, Partita IVA 00124360322;
  • Istituto Radiologico Gortan S.r.l., con sede in Trieste, via Cesare Beccaria 8, Partita IVA 00659050322;
  • Policlinico Triestino S.p.A., con sede in Trieste, via Bonaparte, n. 4-6, Partita IVA 00139620322;
  • Casa di Cura Sanatorio Triestino S.p.A., con sede in TRIESTE, via Domenico Rossetti 62, Partita IVA 00130810328;
  • Studio Radiologico Zucconi S.r.l., con sede in Trieste, via Rismondo 3 Partita IVA 01031620329;
     

CREAUS/GL/ss