Nuova Neuropsichiatria Infantile a Monfalcone

 giovedì 25 novembre 2021

Inizio lavori per la nuova neuropsichiatria infantile presso l’Ospedale San Polo di Monfalcone, (padiglione B- 3°piano).

Il progetto, fortemente voluto dall’Associazione dinAMICI Odv- Insieme per il Volontariato già a partire dal 2017 e a cui è legata una importante raccolta fondi dedicata (ancora attiva), è stato definito dall’Associazione stessa grazie ad una fitta collaborazione tra ASUGI, i nove comuni che rappresentano il bacino di utenza servizio territoriale e la collettività, di cui l’associazione è stata il collante.

Lo stretto rapporto con lo staff di Neuropsichiatria, che insieme all’associazione ha definito le urgenze e le necessità per poter offrire ai bambini 0/18 e alle loro famiglie spazi e materiali adeguati ai trattamenti approntati, anche in funzione di accessi sul lungo periodo.

L’iniziativa promossa dall’Associazione dinAMICI ha ottenuto e concretizzato, oltre alla donazione del progetto esecutivo ad opera dell’’Architetto Glauco Von Wunsten,  la disposizione logistica del servizio e il futuro acquisto di arredi e materiali.

Il progetto si è basato sull’attenta analisi dei dati di attività che hanno indicato un afflusso di utenti di oltre mille unità all’anno con un trend in crescita e con una presenza giornaliera di personale di 22 unità.

Il Servizio di Neuropsichiatria collabora nella consulenza, progettazione e monitoraggio con servizi extra aziendali (Npi e Pediatria Burlo Garofolo di Ts, Istituti scolastici comprensivi, Servizi Sociali ecc, Servizi Sanitari convenzionati) e con servizi aziendali (SC di Pediatria, SC Età Evolutiva Famiglia Disabilità, Dipartimento di Salute Mentale, SC di Riabilitazione, medici di medicina generale e pediatri di liberà scelta), si rendono quindi necessari spazi in cui questa attività possa essere svolta.

L’impianto originario che, per quanto concerne l’area destinata alla Neuropsichiatria infantile, è costituito da un corpo quintuplo con due corridoi di distribuzione tra di loro paralleli.

 

Questo impianto ha consentito di separare i percorsi delle diverse funzioni garantendo una specializzazione delle aree rispondendo alle esigenze delle diverse tipologie di utente e delle diverse prestazioni.

 

Il progetto prevede la suddivisione dell’area in funzione delle diverse attività:

  • area reception, primo screening e diagnosi medico specialistica;
  • area logopedia;
  • area psicologia;
  • area fisioterapia;
  • area neuropsicomotricità-autismo.

Sull’atrio di ingresso si affacciano la segreteria/reception e le attese destinate come da indicazioni della committenza a tre diverse tipologie di paziente:

  • attesa bambini;
  • attesa prima infanzia;
  • attesa adolescenti.

Dall’atrio di ingresso è possibile accedere all’area accoglienza, primo screening e visita medico specialistica costituita dagli ambulatori:

  • prima accoglienza;
  • neuropsichiatria;
  • diagnosi precoce

 

CREAUS/GL/ss