Diabetologia distrettuale - Qui ti puoi rivolgere per ...

Accedere a una prima visita ambulatoriale

L’agenda non è gestita dagli sportelli CUP.

L’accoglienza delle persone che devono prendere appuntamento per la prima visita viene effettuata, presso ciascun Centro diabetologico distrettuale di appartenenza, dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 12:00.
E' necessario munirsi di invio da parte del medico curante (impegnativa del medico di medicina generale - MMG).
I tempi per l'appuntamento vengono stabiliti direttamente dal personale del centro diabetologico in base alla situazione clinica più o meno urgente.

Per facilitare la valutazione della priorità clinica, è consigliato richiedere l’appuntamento per la prima visita portando:

  • richiesta del MMG con il motivo dell’invio;
  • tessera sanitaria cartacea
  • eventuali certificazioni di esenzione per reddito
  • referto recente (non anteriore ai 2 mesi) dei seguenti esami ematochimici: Glicemia ed emoglobina glicata, Colesterolo totale, HDL e trigliceridi, Creatinina, Esame urine e microalbuminuria
  • elenco di tutti i farmaci in uso (non solo quelli per il diabete)
  • eventuali referti di visite specialistiche o di dimissione ospedaliera
  • eventuale strumento per la misurazione della glicemia (glucometro) ed eventuale diario dell’autocontrollo glicemico

Al termine della visita viene definito un programma di cura e di presa in carico.

Per le persone non esenti, dalla compartecipazione della spesa sanitaria, la prima visita è soggetta al pagamento del ticket.

Effettuare i controlli successivi

Se la persona viene presa in carico dal servizio, al termine di ogni visita viene programmato il successivo controllo.
Per qualsiasi esigenza, è possibile accedere al centro di ogni distretto senza appuntamento, dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 12:00.
Le visite di controllo, di norma, vengono effettuate sempre dallo stesso medico.
È possibile effettuare in occasione dei controlli una valutazione estemporaneo della glicemia.

Gestire il diabete gestazionale

Quando, dagli esami effettuati in corso di gravidanza, emerge un valore glicemico elevato la donna viene indirizzata al Centro diabetologico distrettuale dove deve presentarsi munita di richiesta (impegnativa) per visita diabetologica.

È stato stabilito un Percorso diagnostico terapeutico specifico, integrato anche con la Clinica Ostetrico Ginecologica del Burlo ed i Consultori familiari distrettuali, per lo screening, la diagnosi precoce e la cura del diabete gestazionale.
Per facilitare la valutazione della donna con diabete gestazionale, è consigliato portare con se al primo accesso al Centro Diabetologico Distrettuale il referto degli esami del sangue, l’elenco degli eventuali farmaci assunti e le eventuali ecografie ostetriche.

Ottenere una visita diabetologica a domicilio o nelle strutture residenziali

È necessario rivolgersi al Medico di medicina generale (MMG) che concorderà con il Centro diabetologico le modalità operative più adeguate.

Entrare in un programma di continuità assistenziale dopo la dimissione ospedaliera

La responsabilità di contattare le strutture distrettuali compete ai sanitari della struttura ospedaliera o della casa di cura in cui è ricoverata la persona diabetica.
Ma la persona o i suoi familiari possono contattare direttamente il Centro diabetologico in caso di necessità.

Essere presi in carico dalla struttura distrettuale dopo essere stato seguito dal centro diabetologico pediatrico

Il protocollo definito congiuntamente con il servizio pediatrico del Burlo stabilisce che il passaggio avvenga tra i 16 ed i 18 anni concordandolo con la/il giovane assistita/o.

Nella fase di transizione, viene garantita ai giovani adolescenti con diabete (età 16-18 anni circa) la presa in carico congiunta tra i Centri Diabetologici Distrettuali e la Clinica Pediatrica del Burlo.

Ottenere l’esenzione alla compartecipazione della spesa sanitaria

Per chi non è seguito, è necessario rivolgersi al Centro diabetologico del Distretto di appartenenza con la richiesta di visita diabetologica redatta dal proprio Medico di medicina generale e recando il referto degli esami di laboratorio che attestino la patologia (glicemia a digiuno e/o emoglobina glicata e/o curva da carico di glucosio).


Le normative vigenti esonerano il cittadino diabetico dall'onere della partecipazione alla spesa per visite ed esami fondamentali per la sua patologia. Viene consegnata la certificazione di esenzione, con la quale la persona dovrà recarsi presso gli Uffici Amministrativi del Distretto per la consegna di una nuova tessera sanitaria cartacea riportante il codice 013-250 e l’elenco, timbrato, delle prestazioni considerate esenti.

 

Ottenere la certificazione richiesta per il rinnovo della patente

Per chi non è seguito, è necessario rivolgersi al Centro diabetologico del Distretto di appartenenza con:

  • la richiesta di "Visita medica per il rilascio certificazione - Cod. 1.01D presso SS Centro Diabetologico" redatta dal Medico di medicina generale;

  • risposte recenti (meno di 6 mesi) degli esami:
       - glicemia ed emoglobina glicata
       - creatininemia
       - microalbuminuria

  • referti rilasciati da meno di 12 mesi del:
       - fondo oculare
       - elettrocardiogramma

  • elenco di tutti i farmaci che si stanno assumendo (non solo quelli per il diabete)

La richiesta di "Visita per il rilascio del certificato diabetologico per il rinnovo patente" e la relativa documentazione devono essere presentate al Centro Diabetologico del Distretto in tempo utile (orientativamente 1-2 mesi prima della scadenza).